FAI DECOLLARE LA TUA WEB ANALYTICS. CON GOOGLE TAG MANAGER.

Le guide e i video tutorial gratuiti di Matteo Zambon, autore del libro "GTM per chi inizia"

Glossario: Modello di Attribuzione Data Driven

glossario-modello-attribuzione-data-driven

La Customer Journey e i Modelli di Attribuzione due terminologie davvero ma davvero brutte.

Eppure queste cose brutte (purtroppo) ci servono.

Non mi dilungherò a raccontarti la storia dei modelli di attribuzione, visto che ho scritto un altro glossario apposta. Però rinfreschiamoci un attimo la memoria.

Esistono tanti modelli di attribuzione: first click, last click, lineare, a decadimento temporale, in base alla posizione…

Eh ok, quindi qual è quello più corretto da usare?

La risposta, ahimè, è che non ce n’è uno più corretto in assoluto: tutto dipende dal funnel di conversione e dal percorso di acquisto dei propri clienti, che può variare (e di molto anche) da caso a caso.

Funziona un po’ come le storie dei libri

L’hai mai vista tu una storia di un libro uguale a un’altra?
Io no: ci sono quelli che parlano di amore, quelli fantasy pieni di fantastici guerrieri, elfi e nani malefici, quelli che parlano di robot autosenzienti e di automobili che guidano da sole (no spetta, questa è realtà), quelli che parlano di oscuri complotti contro il mondo, quelli che semplicemente descrivono la vita di San Tizio e Pierino che ama Gino…

Matteo, ma di che parli? Che c’entra questo coi modelli di attribuzione?

C’entra, fidati: se ogni funnel è diverso da caso a caso, come si fa ad attribuire dei modelli standard?

Te credo che non sai quale scegliere.

E quindi?

E quindi dovresti analizzare per benino il percorso d’acquisto tipo della tua attività (sì, vuol dire che devi conoscere bene i tuoi clienti, dovresti farlo) e adottare un modello di attribuzione ad hoc per te.

Già ti immagino lì col lavagnone a fare calcoli astronomici per decretare il valore di ogni singola fase della tua Customer Journey.

Fermo là, che fai! Non c’è bisogno, ci pensa il Modello di Attribuzione Data Driven.

Data-che??

Il Data Driven è un modello di Attribuzione personalizzato che assegna un peso diverso ai vari Touchpoint in base a dei calcoli algoritmici che a loro volta si basano sullo storico dei tuoi dati Analytics reali.

In parole povere, immagina che il sistema si “ciuccia” i dati e sputa fuori un modello di attribuzione infiocchettato su misura per te, mentre tu devi semplicemente stare seduto e aspettare (ti puoi bere pure una birra nel mentre se vuoi).

Voglio fare anche io questa cosa bellissima! Dove la trovo?

Eh. Calma.

Purtroppo (sigh) al momento il modello di attribuzione Data Driven è disponibile solo su Google Analytics 360, ovvero la versione Premium.
In realtà nel Google Marketing Next 2017 si sta parlando di Google Attribution che uhhh dovrebbe darci una mano.

Ora tornare a lavorare, la birra te la bevi dopo 😛

 

LINK UTILI

Hai ancora qualche dubbio? Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Schermata dashboard Club Tag Manager Italia

Entra GRATIS nel Club Tag Manager Italia!

Ho riaperto temporaneamente le iscrizioni al Club: il posto – l’unico posto – dove puoi accedere a TUTTI i miei materiali avanzati (ore e ore di roba).

In aggiunta, nel Club rispondo a tutte le tue domande in un gruppo di Facebook riservato ai membri!

Richiedi subito il tuo PASS GRATUITO di 60 giorni per provare senza impegno il Club Tag Manager Italia!